Il 28 luglio 2015 ha aperto al pubblico l’area archeologica dell’Antico Porto di Classe.
Il nome Classe deriva proprio dalla parola latina Classis, che significa flotta: in questa zona rinascerà l’antico porto di Ravenna fondato da Augusto, fiorente sia all’epoca dell’Impero sia durante il regno di Teodorico e del successivo dominio bizantino, vivacissimo centro economico e commerciale ancora nel V-VI secolo d.C., quando Ravenna e Classe raggiunsero il loro apice politico ed economico.
Il progetto di musealizzazione prevede la restituzione dell’antico nel quadro di una fruibilità moderna che punta all’accessibilità, alla multimedialità e all’interattività.

Il percorso, sviluppato su una superficie di circa 10.000 metri quadrati, ripercorre il cammino del viaggiatore antico e propone i luoghi quotidianamente frequentati da coloro che lavoravano nei magazzini o arrivavano via mare attraccando al porto, immergendo i visitatori all’interno dello scavo archeologico.
Quest’area andrà ad ampliare i diversi «segmenti» facenti parte del circuito di RavennAntica, Fondazione nata per realizzare d’intesa e in stretto rapporto di collaborazione con le Soprintendenze e l’Università di Bologna, un Parco Archeologico attorno alla grande Basilica di Sant’Apollinare in Classe.

www.parcoarcheologicodiclasse.it