Nato a Bagnacavallo per festeggiare il patrono del paese, l’arcangelo Michele, è forse il dolce che meglio rappresenta la provincia di Ravenna. La ricetta è molto antica, se ne possono far risalire le tracce già al sedicesimo secolo, come attesta un documento custodito nella Biblioteca Comunale di Bagnacavallo. I pasticceri della città preparano questo dolce esclusivamente durante la settimana della festa del patrono, che ricorre il 29 settembre, mescolando panna, zucchero, uova, farina, mandorle, nocciole, noci, pinoli, uva sultanina e altri ingredienti secondo una ricetta che tengono gelosamente segreta.