Da mercoledì 14 ottobre, presso il Museo Tamo, al via il ciclo di conferenze “Il cibo racconta noi”

A partire da mercoledì 14 ottobre 2015, alle ore 18, presso il Museo Tamo, nel Complesso di San Nicolò, la Fondazione Ravenna Capitale, in collaborazione con Ravenna Capitale Italiana della Cultura 2015 e la Fondazione RavennAntica, promuove un ciclo di conferenze dal titolo Il cibo racconta noi.
A partire dall’antichità, il tema dell’alimentazione è stato un punto cruciale nella storia dell’uomo: il cibo ha condizionato la storia e ispirato politiche, ha caratterizzato gli stili di vita, ha suscitato riflessioni letterarie, ha incoraggiato confronti e incentivato scambi culturali.

Quest’anno, in particolare, è dedicato proprio al tema del cibo e la Fondazione Ravenna Capitale, che ha tra i propri compiti la valorizzazione della cultura, in particolare quella religiosa, ha scelto di approfondire questo argomento, analizzando come i cibi vengano spesso rappresentati all’interno dei mosaici.
“La scelta del titolo Il cibo racconta noi – spiega Gianni Morelli, presidente della Fondazione Ravenna Capitale – vuole essere una esemplificazione del fatto che gli alimenti ci forniscono informazioni su chi commissionava le opere musive. Nei mosaici di Ravenna – prosegue – il cibo, in realtà, viene progressivamente interpretato dal pensiero cristiano come qualcosa che serve ad accompagnare le persone nell’eternità: palme, ulivi, datteri e grappoli d’uva diventano quindi “il cibo dell’anima”. Inoltre a Ravenna, sede della flotta imperiale, avvenivano tantissimi e ricchissimi scambi commerciali, che si traducono anche nel fatto che la nostra città vedeva e sperimentava un’enorme mescolanza di cibi, odori e sapori diversi”.

Protagonisti degli incontri sono:
il mosaicista Paolo Racagni, il più accreditato conoscitore dei mosaici mediterranei, che mercoledì 14 ottobre parlerà del “Rito e cibi nei mosaici mediterranei”;
Giovanni Gardini, studioso cattolico noto per la conoscenza dell’arte cristiana ravennate, che mercoledì 21 ottobre affronterà il tema “Il cibo dell’anima nei mosaici di Ravenna”;
l’archeologa Giovanna Montevecchi, esperta del territorio locale e degli aspetti domestici in uso nell’antichità, che giovedì 28 ottobre presenterà “La tavola degli antichi romani tra eccessi frugalità”.

Un ringraziamento speciale va agli sponsor Big Fruit – La frutteria delle piazze e al Forno Pasticceria Nonna Iride, che non potevano essere più a tema, in quanto hanno fatto del cibo il loro mestiere.